L'indice dei VRay Tutorial


4

La regola dei terzi in 3ds Max.

Sharing is caring!

La regola dei terzi è un principio basilare della composizione fotografica che bisogna assolutamente conoscere. E’ una regola tanto semplice quanto efficace che permette anche ai neofiti di realizzare una composizione fotografica in modo semplice ed efficace.

Il metodo consiste nel suddividere mentalmente l’immagine in tre parti uguali, in senso orizzontale come in senso verticale, ottenendo una griglia di questo tipo:

I punti di intersezione tra queste righe sono detti punti di interesse, ovvero i punti in cui collocare i soggetti della foto in modo che il tutto risulti, dinamico, equilibrato ed organizzato. Questa  regoletta ci permette in pratica  di decentrare il soggetto in modo calibrato.

Ecco alcuni esempi:

Anche senza griglia non è difficile scorgere lo stesso schema nella foto seguente:

Da varie macchine fotografiche fino allo strumento “taglia” di photoshop visualizzano questa griglia. Lo scopo è facilitare la composizione di un’immagine sfruttando la regola dei terzi.

Adesso che ci siamo appassionati vogliamo la stessa griglia nella nostra bella viewport per organizzare al meglio l’inquadratura e la disposizione degli oggetti in scena. Purtroppo allo stato attuale non esiste in 3ds Max un bottoncino già pronto del tipo “Regola dei terzi”, per cui dobbiamo arrangiarci.

Ed in questo siamo bravissimi, no? 😉

Quanto sto per svelarvi è il frutto di un team esagggerato costituito da Andrea, Lorenzo e Ciro (cioè chi vi scrive). Dei cervelloni a cui – scherzi a parte – tra una chiacchiera e l’altra al workshop di Torino è venuto in mente una via per implementare in 3ds max la griglia della regola dei terzi.

Per lo scopo si può sfruttare la funzione “show safe frame“, che notoriamente serve a vedere nella viewport le reali proporzioni che avrà il rendering. ( Se vi è capitato in passato di ottenere un rendering con proporzioni diverse da quelle presenti a video era semplicemente perche “show safe frame” era disattivato. Si attiva/disattiva facilmente con i tasti SHIFT + F )

Ecco come possiamo manipolare questa funzione perché faccia quello che ci serve:

  • Basta andare in [+] > Configure > Viewport Configuration.
    (Nelle versioni di 3ds Max in cui non c’è [+] allora > click tasto dx sul nome-vista.. )

Quindi impostare i valori così come indicato:

Attivando Show Safe Frame (shift+F) la viewport apparirà così:


(per disattivare le linee basterà disattivare Action Safe e Title Safe)

Ecco che la nostra viewport sarà bella e pronta per guidarci alla composizione mediante la regola dei terzi.

« BELLA CIRO.. MA ‘STA REGOLA, DOVEMO SEMPRE DA APPLICARLA?! »

Jacques Loussier ha suonato un magnifico Bach Jazz negli anni ’60, ma prima di tutto era in grado di suonare il Bach classico con una perfezione maniacale. Come tutte le regole del mondo artistico anche la regola dei terzi esiste sia per aiutarci sia per essere stravolta, ma solo dopo averla perfettamente posseduta. Certamente, in particolar modo nell’arte,  non è pensabile che una regola possa essere applicata dando sempre lo stesso risultato. Va sempre adattata, mescolata alle situazioni, violata con perfezione.

Ecco un esempio pratico che vi farà sorridere ^_^

Se la regola dei terzi aiuta a rendere più dinamiche le composizioni, fare l’esatto contrario – centrare in pieno il soggetto – non potrà che portare alla massima staticità.

Ci sono casi in cui il soggetto rende solo se inquadrato in modo completamente statico. Il mio prossimo si presta: è rilassato, dorme pancia all’aria sognando mille profumi da inseguire ed annusare. Lo centro in pieno e l’immagine funziona.

Mi rilasso anch’io a guardarla.


( Lei è Sbirulina, la mascotte dell’ultimo workshop a Torino.  Non è meravigliosa? 🙂

Tags: ,

4

Commenti

  1. Ivan 28 giugno, 2011 10:47 am

    Ciao Ciro, grazie dell’info, ma avevo già letto l’articolo stamattina!!! 😉
    Comunque il link che ho nella mail non va (http://www.grafica3dblog.it/index.php/2011/06/28/regola-dei-terzi-3ds-max.htm), il solito Error 404 – Not Found…
    Ti volevo solo avvertire!
    Buona giornata.
    🙂

  2. Antonio 28 giugno, 2011 12:02 pm

    Grazie di questo utilissimo suggerimento.
    Cerco di seguire la regola con le foto, non avevo mai pensato di applicarla con il 3d.
    Molto interessante, le immagini saranno sicuramente molto più attraenti.
    Grazie

  3. Giuseppe Cecere 28 giugno, 2011 3:53 pm

    mi è piaciuto… grazie!

  4. Lory2206 28 giugno, 2011 5:56 pm

    Ciao Ciro

    E’ una figata, da quando l’abbiamo scoperto lo metto sempre appena apro un file nuovo.
    Trovo che sia davvero utile quando crei l’inquadratura.

    Ciao a presto

Lascia qui il tuo commento




    -->
  • Sito ufficiale:V-Ray Book

    Piattaforma E-learning, con tanti
    vray training a disposizione.