L'indice dei VRay Tutorial


11

Teapots in love

Sharing is caring!

Ultimamente ho visto un film in dvd: “Il cacciatore di ex”, carino.

Come spesso mi accade , c’è sempre un particolare che attrae la mia attenzione. Già era successo con l’effetto delle caustiche in piscina ed anche stavolta si tratta di luce. Tutta colpa della scena in cui i protagonisti della commedia vanno a cena.

No, non è Jennifer Aniston ad aver catturato la mia attenzione, almeno non stavolta! Ma è quello che si vede nello sfondo, che nel mondo della fotografia prende il nome di effetto bokeh.

L’effetto bokeh è una diretta conseguenza della scarsa profondità di campo, per cui oggetti distanti dalla zona a fuoco si deformano assumendo curiose forme come cerchi, pentagoni, esagoni e così via. Basta cercare su google immagini “effetto bokeh” per trovare una gran varietà di foto, fake e tutorial per imitare l’effetto con photoshop.

Anche V-Ray offre la possibilità di simulare questo tipo di effetto: basta avere attivata la profondità di campo e mettere la spunta su blades (rollout bokeh effects).

bokeh-blades

<< E’ davvero così facile? >>. Certo, perché dovrebbe essere complesso?!

Naturalmente, affinchè l’effetto venga fuori, è necessaria la giusta combinazione fra i 3 fattori in grado di produrre una ristretta profondità di campo:

  1. Giusta lunghezza focale (tipo di obiettivo)
  2. Ridotta distanza dal soggetto
  3. Ampia apertura del diaframma (Basso f number)

Per ottenere l’effetto bokeh sulle luci, basterà piazzarle al di fuori del campo nitido.

Insomma, se riuscite ad impostare una scarsa profondità di campo, per l’effetto bokeh si tratterà di un semplice clic!

Ecco un’immagine che mi son divertito a realizzare: Teapots in love.

Ed ecco lo schema visto dall’alto:

! ATTENZIONE !
Per simulare l’effetto bokeh è fondamentale aver assimilato il concetto di profondità di campo e la relativa applicazione.

Risorse utili alla comprensione e simulazione dell’effetto bokeh:

Tags: ,

11

Commenti

  1. Ego 28 settembre, 2010 9:28 am

    Carinissima l’immagine!

  2. Ludo 28 settembre, 2010 9:35 am

    Sei sempre il migliore Ciro!!!! 😀

  3. ivanpaduano 28 settembre, 2010 9:45 am

    Grandissima idea, se non altro animerà un pò di scene trmendamente statiche, ti ringrazio per avermi messo la pulce nell’orecchio, vediamo che riesco a fare con mental ray.

  4. giona 28 settembre, 2010 10:37 am

    Ottimo tutorial!
    Mi sono guardato quel film proprio ieri sera e come hai detto tu, mi sono soffermato ad osservare proprio quella scena x via dell’effetto bokeh!! ahah

    Ciao 😉

  5. tune 28 settembre, 2010 12:02 pm

    grZ ciro!

  6. aprotan 28 settembre, 2010 2:44 pm

    Si bello, ma che tipo di luci usare?
    grazie
    Sempre ottime idee
    ciao

  7. admin 28 settembre, 2010 4:29 pm

    x APROTAN

    V-ray light, del resto non è che in vray esistano molti tipi di luci artificiali.

  8. Paolo Brunelli 30 settembre, 2010 5:29 pm

    hhah!!! fantastico!! prossimo lavoretto lo provo subito!!

  9. VIEW 11 ottobre, 2010 12:16 pm

    Cari amici,
    vorrei informarvi che dal 26 al 29 ottobre torna VIEW Conference a Torino, il più grande evento sull’animazione, il 3d, la computer grafica. E’ gratuita!
    Per info http://www.viewconference.it.
    Un caro saluto, Rossana

  10. AL_FRED 22 ottobre, 2010 2:48 pm

    mitico Ciro sei il top !!!!! e grazie ancora per il continuo aiuto che mi dai anche dopo il corso !!!!!

  11. alexMN 6 novembre, 2010 3:22 pm

    scusate, sto seguendo il tutorial: “Tutorial di illuminazione e composizione di un interno con vray” (sono agli inizi) e non riesco a trovare questa finestra:
    http://www.grafica3dblog.it/immagini/tutorial_3d_interni_vray/settaggio_vray_light.gif

    come faccio a farla saltar fuori?

    aiuto grazie 🙁

Lascia qui il tuo commento




    -->
  • NEWS
    IL NUOVO LIBRO DI CIRO SANNINO Sito ufficiale:V-Ray Book (in aggiornamento)

    Piattaforma E-learning, con tanti
    vray training a disposizione.