L'indice dei VRay Tutorial


5

Dario Passariello: tra i primi 30 utenti Autodesk del mondo

Sharing is caring!

dario passariello 3d

Dario Passariello è stato nominato!!

Non di certo per essere escluso – come la tv ci abituare a pensare – piuttosto è stato selezionato per essere parte dei migliori 30 utenti Autodesk del pianeta: Autodesk Master. Ogni anno l’Autodesk seleziona 30 persone in tutto il mondo, tra le quali sceglierà da 5 a 10 utenti ai quali sarà conferita l’onoreficenza – tutta digitale – di Autodesk Master. Ma aver ricevuto la nomination è già un premio, proprio come arrivare in una grande finale… in sé è già una grande vittoria!

Di Dario ne ho già parlato mesi fa, in occasione dell’inizio dei suoi corsi 3d gratuiti a Palermo, ma questa è un’occasione quanto mai ghiotta per sapere qualcosa in più sul nostro Dario 3d Nazionale!

Così non mi sono fatto sfuggire l’occasione per rivolgergli alcune domande, vi lascio quindi a questa ricca intervista con il nostro – candidato Master Autodesk – Dario Passariello!

Dario, ricordo molto bene il tuo prezioso commento al mio post “Quali corsi di grafica avete seguito“, ma dicci qualcosa in più sui tuoi primi passi, quando il 3d era ancora qualcosa di sconosciuto..

Ho iniziato ad appassionarmi alla grafica 3D nel 1992 e in quel periodo non erano moltissime le scuole o i centri di formazione dove insegnavano 3D e nel sud erano inesistenti, oggi è molto diverso.

In quel periodo di materiale in giro non ne circolava moltissimo, internet come la conosciamo oggi non esisteva e quindi ho dovuto studiare moltissimo su pubblicazioni.

Ho avuto il vantaggio di conoscere molte cose di 3D studio® soprattutto grazie al materiale scritto da Tom Hudson, papà di 3D studio (nome in codice di 3D studio® è THUD). Le uniche pubblicazioni che riuscii a trovare all’ora erano di Jim Lammers, Michael Peterson, Alfonso Borghi, David Butler e Giovanni Trambusti, Steven Elliott, Philip Miller, Tom Hudson, John A. Bell.

Oggi, grazie ai centri di formazione specializzati nella grafica 3D, è molto più semplice e facile imparare questo tipo di software ed anche un giovane inesperto può ottenere ottimi risultati a patto di scegliere centri ufficiali che rilasciano una certificazione ufficiale della Comunità Europea o della casa produttrice del software.

Come vedo Tom Hudson richiama “antichi” ricordi in tutti noi! Personalmente io ho iniziato con 3ds max2, era il software con più materiale online nella nascente rete internet! E tu invece, con quale software hai iniziato e perché?

Ho iniziato con 3D studio Dos versione 2 grazie ad un mio collega militare, poi ho avuto la possibilità di utilizzare la versione 4 dove finalmente era possibile vedere i solidi in smooth con il sistema Farlap 386, una sorta di openGL primitivo. Conoscevo già l’uso che si faceva di Autocad e dei software Autodesk.

In quel periodo non erano ancora conosciuti i sistemi openGL® e directX® non esisteva il tempo reale perché non era supportato dalle schede video; gli edge erano tutti visibili perché non c’era il BackFace Cull, e non c’era il sistema Nurms che oggi ha cambiando l’idea di grafica 3D organica.

Ho avuto enormi difficoltà nei primi anni sopratutto perché nessuna delle persone che frequentavo conoscevano il 3D, ma ho compreso già allora l’importanza di questo sistema vedendo il film Tron della Disney ed ho immaginato l’uso che oggi è presente in tutti i media, settori artistici, tecnici, militari e civili.

In seguito, con l’uscita di Windows 95 e la nascita di internet, iniziai a lavorare su 3D studio max versione 1 che allora era della Kinetix® ( a part of Autodesk® ).

Ricordo la grande sorpresa nel vedere una così ampia trasformazione e facilità d’uso rispetto al Dos, ma la cosa che mi ha sorpreso di più è stata l’immediatezza ed il tempo reale sia per le viewport che per la parametricità degli oggetti. In Max gli unici sistemi di modellazione editabili erano le mesh e le patch.

Ho continuato ad utilizzare 3D studio max® in tutte le sue versioni successive ed ho resistito con questo software anche quando sul mercato nascevano nuove realtà.

Dall’ultima risposta direi che conosci bene la “storia”! Soprattutto non ti sei lasciato sfuggire gli aspetti tecnici.. immagino che anche come insegnante tu abbia un approccio tecnico…

Personalmente ho un approccio molto tecnico per quello che riguarda l’insegnamento del software.

Ho l’abitudine di spiegare ogni singolo comando e svolgere esempi pratici per far comprendere per prima cosa la filosofia del software. Insegno la logica, non mi limito alla lezione puramente teorica ed “automatica”, ma porto l’allievo a comprendere il perché delle cose. La mia frase ricorrente è “non dare nulla per scontato”.

La fase successiva è la modellazione, il rendering e l’animazione dove passo anche alla libera creatività e allo studio della scena, partendo dalla modellazione in Sub-D, alle luci fotometriche e rendering, sino all’uso dell’editor curve e dei controller di animazione.

Insegno agli allievi lo studio dello storyboard e del flowchart fino al rendering di rete ed al montaggio.

Ora perdonami se affondo il coltello nella piaga, ma questa domanda è obbligatoria per concludere: La situazione italiana è critica, ma anziché fuggire sei ancora qui. Come mai?

Ritengo la situazione del nostro paese ambigua…. In altri Stati Europei è più cosciente l’idea del nuovo lavoro digitale e dell’introito del settore multimediale, basti pensare a Francia e la Spagna dove realtà del settore digitale cominciano ad affacciarsi al mercato internazionale.

Nonostante i problemi relativi al settore multimediale in Italia si riscontra però la volontà da parte dei giovani di imparare la grafica 3D ed è dimostrabile dal fenomeno della formazione sempre più capillare e professionale.

Fortunatamente in Italia ci sono persone che sanno valorizzare prima di tutto il talento, sono casi rari, ma ci sono. Posso ritenermi fortunato perché ho incontrato persone “vere” che guardano lontano quanto me, ad esempio una di queste è il Direttore Francesco Paolo Di Cristofalo dell’Anfe Regionale Sicilia – Centro Pa2 (centro di Formazione Professionale finanziato dal Fondo Sociale Europeo dove sono dipendente), con il quale ho realizzato i corsi di Sviluppatore Grafico 3D, corso gratuito per i giovani della Sicilia: www.sicilia.anfe.it . Questa persona mi ha dato tantissimo, ha dato tantissimo ai giovani siciliani e al settore del 3D. A Franco devo molti dei miei traguardi. Un’altra persona è Gianluca Porrello di Autodesk – Eureka Engineering di Palermo che gestisce insieme al mitico Marco Montalbano. Gianluca è un ragazzo bravissimo e davvero preparato come pochi, grazie a lui oggi sono un Autodesk Approved Instructor. Queste persone credono in me, mi sopportano in tutte le mie pazzie e mie dimenticanze, per loro, ho un grande affetto e una grandissima stima.

Ma anche la crescente importanza di internet nella vita di tutti i giorni, ha contribuito a non allontanarmi dalla mia terra!

Infatti, ritengo internet uno strumento indispensabile per chi ha l’hobby per il 3D o svolge la professione di grafico in questo settore. I nuovi sistemi di comunicazione, il voip, i sistemi di messaggistica, piattaforme di tele-lavoro via web stanno cambiando radicalmente il concetto di lavoro e dei software di nuova generazione che tengono conto sempre di più delle esigenze dell’utente creando strumenti per gruppi in sedi distaccate e/o strumenti di condivisione.

Oggi nel web esistono realtà vive che propongono e creano veri e propri fenomeni di volontà di cambiamento che presto renderanno un risultato eccezionale. Le mie prime collaborazioni di lavoro le ho svolte via Web sfruttando canali internazionali e ritengo internet l’unica vera risorsa indispensabile per chi fa questo lavoro e vuole sviluppare un prodotto in team organizzati e decentralizzati.

Non ho mai affrontato seriamente l’idea di recarmi fuori dall’Italia, ho preferito coltivare qui le mie ambizioni e le mie idee pur conoscendo le difficoltà del territorio.

Grazie Dario per la tua disponibilità! Ti lascio il mio in bocca al lupo più sincero per questa nomination Master Autodesk (-;

Tags: , ,

5

Commenti

  1. Andrea 29 aprile, 2008 7:13 pm

    Beh, che dire…
    In Bocca al Lupo!!

  2. PiXmedia 2008 - Roma - 8 Maggio 5 maggio, 2008 4:36 pm

    […] conosco, mi vengono in mente D@ve – celebre amministratore dell’appena citato Treddi.com – Dario Master Passariello, Loki 3d e tanti […]

  3. Francesco 7 maggio, 2008 4:41 pm

    Sono orgoglioso di questo Italiano!
    Complimenti a Dario per questa nomina, e spero che insista sulla formazione sul 3D in Sicilia e ad invogliare i giovani a provare questa strada, può farcela!

  4. nautilus 2 agosto, 2008 6:44 pm

    ciao… grande davvero!

  5. fausto320 1 ottobre, 2008 5:44 pm

    ALLORA IO POSSO DIRE DI AVER FATTO IL CORSO DI RENDERING AVANZATO CON UNO DEI MIGLIORI ISTRUTTORI AL MONDO???
    RAGAZZI DARIO E’ DAVVERO GRANDE, LE SUE LEZIONI SONO UN PIACERE, HO IMPARATO SUBITO E CON RISULTATI ABBASTANZA SODDISFACENTI SIN DALL’INIZIO SONO DAVVERO CONTENTO DEL MIO LIVELLO OTTENUTO IN UN SOLO ANNO MA SOPRATTUTTO PER DARIO.
    FAUSTO CRECCO

Lascia qui il tuo commento




    -->
  • Sito ufficiale:V-Ray Book

    Piattaforma E-learning, con tanti
    vray training a disposizione.