L'indice dei VRay Tutorial


17

Rendering enorme… enorme risoluzione? No.

Sharing is caring!

rendering

[ Tutorial 3d ] – In questo post vorrei approfondire un tema abbastanza scottante, soprattutto per chi affronta le difficoltà di un Rendering di grandi dimensioni per la prima volta.

Tempi enormi di rendering, pc che vanno in crash, overflow di memoria… e chi più ne ha più ne metta. Questi sono gli inconvenienti a cui tutti vanno in contro se non affrontano il problema nel giusto modo. Mi sono trovato in una situazione simile… ed alla fine me la son cavata.

A chi interessa la pappa pronta posso subito dire che renderizzo cartelloni da 6m x 3m alla risoluzione di 20 dpi ..ma la sfida di quest’articolo è rendervi quanto più semplice possibile la spiegazione di questi numeri!

In giro per il web c’è un pò di roba, ognuno approccia al problema a modo suo. Io mi considero più intuitivo che matematico per cui un giorno ho pensato: dato che la stampa di un libro in alta risoluzione è fatta a 300 dpi, ciò vuol dire che se guardiamo un foglio a distanza ravvicinata vi vedremo un numero “X” di puntini stampati.

Se lo stesso foglio lo allontaniamo di 5 metri è ovvio che sarà inutile aumentare gli “X” punti (tanto mica siamo Superman?!), basterà solo aumentare il formato, lasciando inalterato il numero di punti. In pratica stiamo abbassando i dpi (cioè la densità di punti stampati).

A questo punto vorrei che scaricaste questo file. E’ uno “schizzo in 3d” che in uno sguardo riassume tutto.

Si può notare che un foglio A4 (29,7cm x 21cm) a distanza ravvicinata – dal punto di vista del campo visivo occupato – è proprio come un foglio di dimensioni 574cm x 395cm a 5 metri di distanza.

Facendo una semplice divisione si può notare che questo foglio immaginario è circa 19 volte più grande dell’A4. Con un salto, più intuitivo che matematico, concludiamo che:

Per avere una buona risoluzione a 5 metri di distanza basterà una risoluzione ridotta 19 volte: da 300 dpi riduciamo il tutto a circa 16 dpi!!!

Facciamo la Prova del 9!

Lo so.. il risultato è sconcertante. Quando mi sono trovato a fare la prima stampa di grandi dimensioni, avevo una paura tremenda che venisse fuori il peggio! Così ho fatto una prova molto semplice: ho preso una porzione di render grande quanto un A4 e l’ho stampato.

a4-prova-rendering-thumb.jpg L’immagine vista da vicino, effettivamente, era fortemente sgranata, ma già poggiandola su uno scaffale a meno di 3m di distanza appariva perfetta!!

Dato che cartelloni così grandi non vengono mai visti a meno di 3m di distanza ho mandato il file in tipografia, e per sentirmi più tranquillo ho solo tarato l’immagine a 20dpi, anziché 16… eh, ognuno prende le sue precauzioni!! Il risultato? Ottimo.

Ma allora quanti pixel devo impostare per il mio Rendering?

Per farla proprio semplice semplice, basta aprire Photoshop e creare un nuovo documento di 600cm x 300cm a 20dpi.

Se controllate la grandezza dell’immagine leggerete: 4724 x 2362 px, queste sono le dimensioni per un rendering di 6m x 3m(20 dpi)!

Qualche consiglio conclusivo:

  • Renderizzate l’immagine più piccola dell’80% e poi ingranditela con Photoshop.. farete prima e nessuno se ne accorgerà!!
  • Se avete ancora problemi di memoria renderizzate l’immagine in due “pezzi”, che poi unirete con un qualsiasi programma di fotoritocco

A buon Render!

Quest’articolo vuole essere un consiglio gratuito per tutti quelli che cercano un metodo per approcciare al problema dei rendering di grandi dimensioni. Ogni applicazione è a rischio e pericolo di chi la attua.

Tags: ,

17

Commenti

  1. Christian79 17 marzo, 2008 7:04 pm

    ti ringrazio per il consiglio e cercherò di applicarlo al + presto ma in realtà il mio problema è questo:
    x fare un immagine decente con 3ds devo fare al- un 4000×3000 (a 72 dpi) non è possibile modificare la risoluzione in modo da avere un 800×600 al- a 150 dpi??? devo diminuire la dimensione del pixel aspect???
    ti chiedo questo perchè se renderizzo un’immagine (per architettura) a 800×600 a 72 dpi non si colgono i dettagli!!! con tutto lo sbattimento che c’è voluto per farli!
    Grazie ancora di tutto,
    so che in fondo stai cominciando a non sopportarmi + ((;
    a presto
    Christian

  2. Andrea 17 marzo, 2008 8:26 pm

    x CHRISTIAN

    Spero Ciro mi perdoni: ti rispondo io.
    Parlare di risoluzione in pixel ad un determinato numero di dpi non ha senso, i dpi (Dot Per Inch, punti per pollice) sono un’unità di misura che dipende strettamente dall’output di stampa, mentre i pixel sono la quantità di informazioni che ci sono nel file, non hanno un proprio dpi, dipende da che misure userai per stampare un tuo file da TOTxTOT.altri pixel.
    Prova ad aprire photoshop, seleziona nuovo documento ed imposta le dimensioni in pixel di 800×600 ed apri il documento vuoto.
    Poi vai sul menu “Image > Image Size”, ti comparirà una finestra dove verrà messa in relazione la dimensione in pixe dell’immagine e le sue dimensioni effettive in cm o pollici.
    un file di 800×600 pixel, se stampato in formato A4 (circa) avrà una risoluzione di 72dpi ossia, ogni pollice di lunghezza dell’immagine conterrà 72 pixel
    Ora prova a togliere il segno di spunta dal box “Resample image” (ricampiona immagine) vedrai che nella parte bassa (dove ci sono le misure in cm ed i DPI) comparirà un legame dei tre campi che mette in relazione le dimensioni fisiche di stampa del documento con i DPI e nella parte superiore le dimensioni in pixel saranno bloccate.
    Ora prova a cambiare 72dpi in 300dpi, otterrai che le dimensioni di stampa saranno di circa 6,7cm per 5cm, spostando il valore a 20dpi otterrai delle dimensioni di stampa di circa 100cm per 75cm.
    Cosa vuol dire? Vuol dire che le informazioni contenute nel documento non cambiano (se decidi di non interpolare) e che la risoluzione espressa in DPI è relativa solo ed unicamente alle dimensioni di stampa che decidi di ottenere.

    Spero che Ciro non me ne voglia per questa mia intrusione

  3. Cirosan 17 marzo, 2008 8:46 pm

    Andrea… ma figurati! Nessun problema.

    Dici cose esattissime, ma credo che il problema di Christian sia di tutt’altra natura.. (ora scappo!)

  4. Antonio 18 marzo, 2008 3:32 am

    ciro, visto che sei preso dal lavoro rispondo io al volo, quello di Christian è il classico problema di chi deve fare dei renders per la stampa: c sono due modi (parlo di 3dstudio ma in teoria anche gli altri software funzionano così):
    1. puoi fare il tuo render alla risoluzione che ti serve es. 1024×768 in genere faccio io. Poi quando devi salvarlo selezioni il formato di file .tif, il quale nn attua compressioni (a differenza di .jpg o altri) e ti appare una finestra con varie cose che devi tralasciare tranne dove ti dice a quanti dpi vuoi salvare (cioè quanti dpi avrai per la dimensione scelta senza attuare ridimensionamenti).

    2. questo metodo è più “pulito”, vai nella tendina render, selezioni “print wizard” se nn ricordo male, scegli i dpi e hai la possibilità di dargli il percorso dove salvare il file, in modo che una volta finito il render salvi in automatico.

    Detto questo per alcune immagini nn piene di dettagli anche stampare a 150dpi va bene.
    Detto anche questo ti consiglio di documentarti sul web per queste cose perchè così hai modo di capire meglio e scoprire altre cose.

    Detto questo, ciao Ciro! ho vinto il record di lunghezza del commento?

  5. Christian79 18 marzo, 2008 11:30 am

    mi meraviglio ogni giorno di quant’è bello il web, ti fà incontrare con persone che autonomamente decidono di risolvere un tuo problema ed è per questo che vi ringrazio tutti ;))
    -proverò con la soluzione di Antonio al- se da lì è possibile cambiare la risoluzione-
    -per quanto riguarda il post di Andrea volevo solo aggiungere che non è un problema di stampa ma di risoluzione dell’immagine che nativamente non è modificabile in 3ds (esemplifico faccio un rendering 4000×3000 salvo in .jpg apro l’immagine in photoshop e in immage size mi da come risoluzione 72 dpi – la dimensione del file è di 5 Mb cambio manualmente la risoluzione a 300 dpi applico un refill per eliminare le zone vuote, risalvo: l’immagine ora è più piccola come dimensioni e con una risoluzione maggiore e meraviglie delle meraviglie il file non supera il mega).
    Ora il mio quesito è non è possibile modificare qualche parametro in 3ds di modo da ottimizzare il tempo di rendering e la qualità dell’immagine??????
    Kmq vi ringrazio per la vostra attenzione.
    E con questa credo d’aver battuto il record di lunghezza del post di Antonio ;))
    A presto
    Vi informerò se trovo la soluzione ;)))

  6. fuà 19 marzo, 2008 5:55 pm

    interessantissimo articolo

  7. dxdgraphic 20 marzo, 2008 3:12 pm

    Molto interessante davvero…un sistema o trucchetto che utilizzo io per stampe di grande dimensione molto simile a questo è quello di stampare la foto su carta fotografica ad alta risoluzione, poi la scannerizzo aumentando dimensione e risoluzione, questo sistema fa perdere sicuramente un po di qualità ma in pratica sfrutta la “puntinatura” della stampante come se fosse una sorta di retinatura…vi assicuro che il risultato è ottimo già da un metro di distanza, possiamo così ingrandire foto partendo da una dimensione bassa.

  8. emanuel 21 marzo, 2008 5:51 pm

    molto interessante questo post…mi son ritrovato ad aspettare quasi tre ore per un render da cartellone realizzato con il motore render di default di 3ds…
    posso chiederti una cosa?ci sono tutorial su mental ray?

  9. Cirosan 21 marzo, 2008 7:22 pm

    @ EMANUEL

    Il concetto è lo stesso. Non è legato al motore di rendering, piuttosto alla vista di noi esseri umani! 🙂

  10. Flavio 22 marzo, 2008 1:11 am

    Ciao Ciro, avrei un dubbio in merito..
    Molte volte i cartelloni non sono composti da un’ unica e intera immagine (inteso come render) bensi nella maggior parte delle volte si ritrovano varie scene, magari particolari, affiancate a quella principale.
    In questo caso come si dovrebbe procedere, prendere cmq come riferimento i 5 x 3 metri e quindi indistintamente utilizzare la stessa risoluzione dpi per le differenti immagini oppure occorre ricalcolare in base alle singole proprietà dell’immagine?

    Grazie ancora per condividere il tuo sapere con noi! 😀

  11. vesciua 23 aprile, 2008 1:45 am

    solito problema di salvataggio files di grandi dimensioni utilizzando photoshopo:
    ho preparato un manifesto di un metro e mezzo per 50cm da utilizzare in uno stand. Le dimensioni del file sono di circa 500 mb e non vi dico i tempi per salvarlo sull’hard desk. Ad ogni modo ora devo inviare questo file ad una agenzia grafica, utilizzano il web come appoggio per il file. Non riesco ad inviarlo, ho provato a salvare il filee in formato jpg a max risoluzione ma niente da fare, nonostante il peso del file è notevolmente diminuito. Come posso fare?

  12. Darpec 6 novembre, 2009 1:46 pm

    3DS Max 5 – Settare risoluzione rendering senza Print Size Wizard

    Buongiorno a tutti, vengo subito al dunque. Devo eseguire 2 rendering della stessa immagine: il primo, 800×600 72pixel/pollice, il secondo 800×600 300pixel/pollice. La versione 5 di 3DS non ha il Print Size Wizard…Come si può fare? Grazie

  13. Cirosan 6 novembre, 2009 8:00 pm

    ciao DARPEC!

    Di norma se vuoi un render a 300dpi vuol dire che devi stampare e se devi stampare allora conoscerai la misura della stampa, non i pixel.

    Supponiamo che devi stampare un’immagine di 20cm x 29cm / 300dpi. Crea una nuova immagine in photoshop con questi dati.

    Poi vadi su “dimensione immagine” e vedi a quanti pixel corrisponde: 2479 x 3508 (in questo esempio).

    PS Tieni presente che spesso 150dpi sono più che sufficienti per una stampa.

  14. Darpec 7 novembre, 2009 7:54 pm

    Grazie per il suggerimento ma c’è qualcosa che non va…Io in Photoshop posso ottenere a parità di dimensioni sia un’immagine con densità a 72 pixel/pollice, sia a 300 pixel/pollice…Ovviamente in stampa ottengo risultati differenti…a me interessa rederizzare due immagini con le stesse dimensioni ma con densità differenti…È possibile in 3DS Max 5? Dalla versione 6 in poi hanno introdotto il print wizard che consente di fare questo…mi chiedevo se ci fosse qualche escamotage per ottenere lo stesso anche nella 5…Grazie

  15. Cirosan 8 novembre, 2009 2:39 am

    Darpec, hai ragione quando scrivi “in Photoshop posso ottenere a parità di dimensioni sia un’immagine con densità a 72 pixel/pollice, sia a 300 pixel/pollice”

    Infatti non sono le dimensioni che cambiano, ma i pixel per costituirla. Sono quelli che devi prendere in considerazione per decidere le dimensioni del render.

    Una immagine di 10cm x 10cm a 72dpi = 283 x 283pixel
    Una immagine di 10cm x 10cm a 300dpi = 1181 x 1181pixel
    (Come detto lo puoi verificare con photoshop)

    Le dimensioni non cambiano, è vero, ma i pixel sì. Devi renderizzare con il numero di pixel che ti serve in base ai dpi che vuoi ottenere.

    PS I render escono da 3ds max a 72dpi. Poi apri photoshop e converti l’immagine.

  16. La tabella dei DPI 25 novembre, 2009 6:47 pm

    […] Circa un anno fa ho scritto un articolo in cui condividevo alcune mie esperienze fatte con la stampa di cartelloni da cantiere e relative dimensioni e dpi per una buona stampa: Rendering di grandi dimensioni. […]

  17. Matti 21 dicembre, 2011 10:11 am

    Occhio perchè fate tutti una gran confusione tra DPI e PPI.

Lascia qui il tuo commento




    -->
  • Sito ufficiale:V-Ray Book

    Piattaforma E-learning, con tanti
    vray training a disposizione.